CANTI MIGRANTI

MUSICA DAI PORTI DEL MONDO LIVE PROJECT


 Dall’Italia al Portogallo, sino ad arrivare in America latina, il repertorio di Canti Migranti esplora tradizioni musicali appartenenti a nazioni con un’importante storia marittima. Dal Fado di Lisbona, tradizionalmente noto per essere nato dal canto di un marinaio al tango argentino, dalla ranchera messicana al pasillo ecuadoriano, dal Bolero sino ad arrivare alla canzone classica napoletana, i viaggi dell'uomo nella storia di queste nazioni, sono stati cruciali per determinare la grande affinità sonora e tematica fra queste tradizioni popolari. Gli studi antropologico-musicali hanno evidenziato che il trait d'union culturale di questi generi (Tango, Fado, Ranchera, Vals Porteño, Bolero) è l'ambiente della marginalità, delle classi operaie, legato alla vita quotidiana a ridosso dei porti; alcune delle tematiche ricorrenti sono: la malinconia del vivere, la separazione, il destino, il sentimento di fatalismo e nostalgia per un amore che non si può vivere, la partenza e la nostalgia della propria terra lontana, gli addii, il ricordo.
Il repertorio proposto comprende brani di autoria di Luisa Notarangelo, cantante e ideatrice del progetto Canti Migranti, brani editi nel suo album Terras de Portugal (2014), brani di tradizione portuense italiana e brani di rinomati compositori latino-americani; nel live si alternano brani di E.A.Mario, Carlos Gardel, Sebastian Iradier, Abundio Martinez, J.C.Cobián, Gonzalo Vera Santos. 

  Canti Migranti: music from seaports of the world Live project
From Italy to Portugal, reaching South America, the musical repertoire of Canti Migranti explores musical genres linked to the nations with an important seafaring history. From Lisbon Fado, traditionally known to be born from a mariner chant, to argentinian Tango, from mexican Rancheras to Ecuadorian Pasillo, from Bolero reaching classical neapolitan songbook, the travels of people in the history of these countries were crucials to determine the sound and theme similarity between these musical genres. The anthropological studies of chilean Miguel Angel Vera Sepulveda about musical genres of seaports (Tango, Fado, Ranchera, Vals Porteño, Bolero) have highlighted that trait d'union of these genres is the framework of marginality, working-class people, linked to daily life close to the ports; recursive themes are: betrayal, melancholy, memories, fate, the feeling of fatalism and nostalgia for an unlivable love, neighborhood life, the departures and nostalgia for own distant homeland, the goodbyes.The musical repertoire includes songs by Luisa Notarangelo, composer, singer and creator of Canti Migranti project (songs edited in the album Terras de Portugal 2014), songs from italian maritime tradition and songs by well-known american-latin composer such as Carlos Gardel, Sebastian Iradier, Gonzalo Vera Santos, Abundio Martinez, J.C.Cobián.